Gli scacchi: uno sport, un’arte, una scienza – 5 scacchisti

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
gli scacchi
Foto: pixabay.com

Gli scacchi sono un fenomeno mondiale, considerati sport, arte e scienza, diventando il gioco della mente più popolare al mondo, con una storia di oltre 1300 anni. Sono anche un gioco universale, in cui non ci sono barriere di età, sesso, razza, nazionalità o disabilità.

La vita è come una partita a scacchi. 

Questa frase è usata da tutti, sia come giustificazione che come motivo per trionfare. Allo stesso tempo, non sempre pensiamo alla profondità e alla tempestività di queste parole. Durante il gioco, il cervello umano inizia a svilupparsi. Qualunque cosa sia, troviamo piacere e pace in questo gioco, liberiamo la nostra mente e la rilassiamo.

Va ricordato che gli scacchi danno a tutti attitudini, attenzione, concentrazione e formano abilità mentali e fisiche. Vengono fatte molte ricerche psicologiche e sociali osservando proprio come si comporta e reagisce una persona durante il gioco degli scacchi.

 

Due mondi di giocatori, 64 celle, 16 pedine ciascuno e niente ti impedirà di fare il primo passo verso la vittoria, la perfezione e il piacere. La scacchiera è attraversata da una linea orizzontale che la divide in due parti uguali: la parte bianca e la parte nera.

Verticalmente invece, la scacchiera è divisa in due parti uguali chiamate fianco del re e fianco della regina. Sono chiamati così, perché, all’inizio del gioco, i re vengono posti in una delle parti e le regine (dama) nell’altra. Ogni colonna corrisponde a una lettera dalla a alla h (da sinistra a destra) e ogni riga corrisponde ad un numero da 1 a 8 (dal bianco al nero).

In questo modo ogni campo può essere identificato unendo una lettera (colonna) e un numero (riga). Abbiamo i seguenti pezzi degli scacchi:  re (R), donna (D), torre (T), alfiere (A), cavallo (C), pedone (P). A essi si attribuisce il seguente valore: al re, valore massimo, perché la sua cattura significa battaglia perduta; alla donna, 10 punti; alla torre, 5 punti; all’alfiere, 3 punti; al cavallo, 3 punti; al pedone, 1 punto.

Secondo l’attuale classifica dell’International Chess Federation (FIDE), Magnus Carlsen è il giocatore di scacchi più potente del mondo. Poiché il punteggio é stato calcolato in modo diverso nelle diverse epoche degli scacchi e quindi non si è potuto fare un confronto realistico, gli esperti hanno messo in evidenza i primi 5 scacchisti, leggende che negli anni hanno dominato il regno di questo sport.

1. Garry Kasparov

Garry Kasparov, il tredicesimo campione del mondo di scacchi, ha detenuto il titolo dal 1985 al 2000. È salito in cima alla classifica mondiale per la prima volta nel 1984 ed è rimasto il giocatore di scacchi più potente del mondo fino al 2006. Ha dominato gli scacchi per oltre 20 anni.

Il 3 marzo 2000, Kasparov ha raggiunto il suo record di 2856 punti, un record superato solo da Carlsen.

 

2. Magnus Carlsen

Magnus Carlsen è l’attuale campione del mondo in tutti e tre i controlli standard (classico, veloce e flash). Nel 2009 è diventato il più giovane giocatore degli ottocento nella storia degli scacchi e il 21 aprile 2014 ha raggiunto il punteggio storico più alto di 2889 punti Elo.

Dal 2011, Carlsen è in cima alla classifica degli scacchi classici, dominando altri giocatori di scacchi del nostro tempo. Nel 2020, la sua linea unica di 120 giochi classici senza sconfitte continue. Ha fatto abbastanza per classificarsi secondo nella lista dei più grandi giocatori di scacchi di tutti i tempi, ma ha solo 29 anni e non ha ancora raggiunto la sua massima potenza!

3. Robert Fischer

Robert Fischer  è l’undicesimo campione del mondo di scacchi e l’unico americano a vincere il titolo. Per molti, è il giocatore di scacchi più famoso della storia. Tra il 1970 e il 1971, Fischer ha vinto 20 partite di fila contro avversari di livello mondiale, cosa che nessuno aveva mai fatto prima o dopo di lui. Questo risultato è considerato uno dei sette record di scacchi più incredibili.

Nel 1972, Fischer sconfisse Spassky nel Match of the Century. Il suo successo nell’affrontare la scuola di scacchi sovietica divenne uno degli eventi storici della Guerra Fredda.

 

4. Jose-Raul Capablanca

Jose-Raul Capablanca è il terzo campione mondiale di scacchi e uno dei giocatori di scacchi più dotati della storia. Dal 1916 al 1924, la sua serie di partite é avvenuta con 40 vittorie e 23 pareggi senza sconfitte, un risultato storico senza precedenti. Negli ultimi anni, il talento e l’abilità di Capablanca non hanno eguali. Capablanca è diventato campione del mondo dopo aver sconfitto il leggendario Lasker nel 1921.

 

5. Anatoly Karpov

Anatoly Karpov , il dodicesimo campione del mondo, ha detenuto la corona di scacchi tra il 1975 e il 1985 e dal 1993 al 1999 è stato campione del mondo FIDE. Karpov era un giocatore di scacchi estremamente versatile, ma le caratteristiche principali del suo stile sono chiamate presa posizionale, gioco preventivo e ottima tecnica di rifinitura.

Karpov vinse il titolo mondiale quando Fischer si rifiutò di difendere il suo titolo nel 1975 perché la FIDE non ne accettava i termini. Ha difeso la corona due volte in partite con Viktor Korchnoi nel 1978 e 1981. Nel 1984, Karpov ha affrontato Kasparov in una partita del campionato mondiale e il mondo degli scacchi è cambiato per sempre. In totale, dal 1984 al 1990, hanno giocato 144 partite: 19 partite sono state vinte da Karpov, 21 da Kasparov e 104 sono finite in parità!

 

Gli scacchi sono considerati il ​​gioco della mente più popolare al mondo, ma la loro origine esatta non è stata determinata fino ad ora. Diversi paesi si sono definiti gli inventori del gioco, ma la moltitudine di fonti storiche su questo gioco rende impossibile tale attribuzione.

La maggior parte delle leggende scritte o orali sul gioco degli scacchi collocano l’apparizione di questo gioco nell’area degli ex imperi asiatici. India, Cina o Persia sono gli ex imperi sul cui territorio sono state trovate prove di scacchi.

Il primo Campionato Mondiale di Scacchi ebbe luogo nel 1886. Nel XX secolo furono fatti grandi passi avanti nella teoria degli scacchi e fu fondata la Federazione Mondiale di Scacchi (FIDE).

Scopri qui anche la storia del Sudoku.

Fonti:

 

 220 total views,  1 views today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *