103 anni dall’assassinio di Nicola II e della sua famiglia, gli ultimi zar della Russia

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Nicola II, Nicolas II
Foto: commons.wikimedia.org

Traduzione: Andrada Micu

Nicola II di Russia (Nikolai Alexandrovich Romanov) fu l’ultimo zar della Russia. I 23 anni di governo, dal 1894 fino all’abdicazione del 15 marzo 191 e fino alla fine della rivoluzione di febbraio, furono segnati da eventi decisivi nella storia della Russia, che si trovava a quel punto in un periodo di transizione, sull’orlo della presa del potere da parte dei bolscevichi.

L’ascesa al trono di Nicola II

La morte precoce dello zar Alessandro III, padre di Nicola II, trova il ventiseienne completamente impreparato per un ruolo di incommensurabile importanza per un sovrano russo.

Il suo duro padre pensava che Nicola II fosse troppo gentile, “una specie di imbecille”, quindi non ritenne necessario prepararlo per la funzione più importante della sua vita.

Avendo ancora preoccupazioni superficiali, Nicola era consapevole della sua mancanza di formazione alla guida della Russia, un vasto impero nel processo di industrializzazione e cambiamento sociale.

Si dice che non abbia mai voluto diventare uno zar, non sapendo nulla al riguardo. D’altronde non sapeva nemmeno dialogare con i ministri.

Nicola II salì al trono il 1 novembre 1894, ma l’incoronazione avvenne nella primavera del 1896. Il suo titolo ufficiale recita come segue:

Noi, Nicola II, per Grazia di Dio, imperatore e autocrate di tutta la Russia, Zar di Mosca, Kiev, Vladimir, Novgorod, Astrakhan, Polonia, Siberia, Crimea, Georgia, Signore di Pskov, Granduca di Smolensk, Lituania, Volkinia, Podolia e Finlandia, Principe di Estonia, Livonia, Curlandia e Semgalle, Samogizia, Bialystok, Carelia, Tver’, Jugoria, Perm, Viatka, Bulgaria e altri paesi, Signore e Granduca di Novgorod inferiore, Chernigov, Ryazan, Polotsk, Rostov, Yaroslavl, Belosero, Oudoria, Obdoria, Condia, Vitebsk e tutta la regione settentrionale, Signore e Sovrano della Terra d’Ivrea, Kartalinia, Kabardia e delle Province Armene, Sovrano della Montagna e Principi Circassi, Signore del Turkestan, Duca di Schleswig Holstein, Stormarn, Dithmarschen e Oldenburg, principe ereditario di Norvegia, e così via, e così via.

Il matrimonio di Nicola II con Alix De Hessa-Darmstadt

Mentre suo padre era ancora in vita, Nicola si innamorò di Alix d’Assia-Darmstadt (in seguito Alexandra Feodorovna Romanova), nipote della regina Vittoria. Alessandro III non voleva una simile alleanza, sperava di concludere un matrimonio tra Nicola II e una principessa della casa d’Orléans per rafforzare l’alleanza con la Repubblica francese. Fu solo sul letto di morte che accettò il matrimonio tra Nicola e Alix d’Assia-Darmstadt, temendo per la successione dei Romanov. Il fidanzamento ebbe luogo poco prima della morte di Alessandro III e il matrimonio poco dopo il suo funerale, perché Nicola non voleva aspettare.

Il matrimonio si è svolto il giorno del compleanno della madre di Nicola, la granduchessa Maria Feodorovna di Russia, perché il lutto poteva essere un po’ rilassato in questa occasione. Gli stravaganti piani iniziali che includevano una settimana di festività pubbliche e sfilate non si sono concretizzati data la situazione. Nicola II ha espresso il desiderio di avere un matrimonio privato con i membri della famiglia, ma i suoi zii resistettero, persuadendo il nipote ad invitare il corpo diplomatico ad assistere alla cerimonia.

Il lutto che non poteva essere ignorato, determinò la mancanza di una festa e di un viaggio di nozze. Tutto questo può essere considerato un simbolo tenebroso, un’ombra permanente dietro I giovani sposi.

L’incoronazione di Nicola II

Il “menagramo” era sicuramente presente in occasione dell’incoronazione del nuovo zar, di cui si parla ancora come immerso in un bagno di sangue.

Quattro giorni dopo l’incoronazione, affinché l’intero popolo celebrasse questo evento, si tenne un banchetto nella pianura di Khodynka (vicino a Mosca). Per i partecipanti sono stati preparati dei pacchi con del cibo, contenenti una pagnotta di pane, una salsiccia, salatini, fichi, panpepato e una tazza commemorativa.

I russi presumevano che sarebbero stati offerti doni, quindi si radunarono nella pianura di Khodynka prima che sorgesse il sole. Le stime mostrano che erano presenti fino a 500.000 persone. Cominciò a circolare una voce, che creò un’agitazione impossibile da controllare da parte dei 1800 poliziotti presenti, incaricati di mantenere l’ordine. Si diceva che i pacchi preparati non fossero sufficienti per tutti i partecipanti e che la coppa nel pacco contenesse una moneta d’oro. Le persone sono state calpestate, 1389 sono morte e altre 1300 sono rimaste ferite.

I festeggiamenti continuarono nonostante quello che era successo, anche lo zar e sua moglie si sono presentati intorno alle 14:00, ma le tracce del terribile incidente erano già sparite. Solo 10 ore dopo l’accaduto lo zar e la sua famiglia lo scoprirono.

Si doveva tenere un ballo all’ambasciata francese, ma Nicola II ritenne inopportuno partecipare visto il numero di morti e feriti. Gli zii non erano d’accordo, e lo convinsero persino ad andare, considerando che l’assenza dal ballo sarebbe stata un gesto molto più inopportuno di un’apparente indifferenza per quanto accaduto.

Nonostante la gravità della tragedia nella pianura di Khodynka, lo zar non ha mostrato determinazione nel punire i colpevoli, quindi la sua immagine pubblica ha sofferto. Un numero insignificante di funzionari minori è stato licenziato e il governo russo ha fornito aiuti considerevoli alle famiglie dei morti. Proprio come ogni storia, che sia di fantasia, evento storico o semplice evento della vita quotidiana, ha sempre due o più parti, l’incoronazione di Nicola II non fa eccezione.

L’evento stesso dell’incoronazione fu glorioso, pieno di scintillii, di cui fascino si parla ancora oggi. La regina Maria di Romania era presente e ha partecipato a questa giornata storica. In “The Story of My Life” la regina racconta con dovizia di particolari la grandezza dell’evento, vista attraverso i suoi occhi. Ecco un estratto che descrive l’abbigliamento dello zar, l’ingresso della zarina e la madre di Nicola II:

Qui, per primo, lo zar ha cavalcato un grande stallone, molto prima degli altri. Non indossa abiti sgargianti, ma la semplice uniforme verde scuro con cui il mondo è abituato a vederlo e ha, ben imbottito sulla testa, il cappello tondo di astrakan, che contraddistingue l’esercito russo. Il petto è ricoperto dal nastro azzurro dell’Ordine di Sant’Andrea; sul panno scuro alcune stelle di diamante sparano raggi alla luce del sole. Non c’è niente di sontuoso nel suo abbigliamento o nella sua posa, niente di molto imponente, ma maneggia il suo cavallo con la disinvoltura di un perfetto cavaliere.

È piccolo e, come ho detto prima, ha gli occhi docili e un sorriso gentile, quasi pensieroso sulle labbra. Nella sua posa si vede la quieta dignità dell’uomo profondamente consapevole di ciò che rappresenta in questo solenne orologio e profondamente consapevole allo stesso tempo dei pesanti doveri che assume sulle sue spalle. Tutti i nostri occhi lo seguono: è giovane, è amato e la sua vita si apre davanti a lui come un libro non ancora scritto…

A poca distanza è seguito da due carrozze dorate, veicoli lucenti come li immaginano i bambini nelle favole con fate, con cavalli bianchi, con finimenti lucenti, cannucce, maneggio. Nella prima carrozza c’è sua madre, nella seconda sua moglie.

Sopra il carro chiuso dell’imperatrice risplende una corona, segno che un tempo era una donna incoronata davanti al suo popolo, e che il potere terreno è stato a lungo suo. Indossa sul capo una tiara di una ricchezza quasi fantastica, il suo collo è avvolto da un fiume di gioielli scintillanti, il suo vestito e il suo mantello sono d’oro lucente. È ancora amata dalla gente, è ancora bella, saluta a destra e a sinistra con la grazia caratteristica della sua famiglia.

Il secondo carro non ha corona, e la donna che siede all’interno, sebbene sia vestita brillantemente, non porta la tiara sul capo, perché solo dopo il sacramento dell’unzione entrerà nei suoi diritti; ancora oggi l’imperatrice-madre ha la precedenza su di lei, così come tutti i diritti della corona”, scrive la regina Maria di Romania.

La malattia di Alexa e l’influenza del mistico Rasputin

L’erede dell’impero era stato molto atteso, poiché Nicola II e Alessandra avevano 4 figlie (la granduchessa Olga Nikolaevna di Russia, la granduchessa Tatiana Nikolaevna di Russia, la granduchessa Maria Nikolaevna di Russia, la granduchessa Anastasia Nikolaevna di Russia) prima della nascita del futuro zar, Alexei. La gioia di dare alla luce un figlio fu offuscata da un grande problema sia per la famiglia che per la successione della dinastia: Alexei soffriva di emofilia, una malattia che all’epoca poteva portare a una morte prematura. La malattia è stata ereditata dalla sua bisnonna materna, la regina Vittoria. L’autocrazia stava attraversando un periodo delicato, quindi la malattia dello zar fu tenuta il più segreta possibile.

Lo zar e la zarina continuavano a cercare aiuto per la guarigione del loro figlio, e sembra che il sostegno e la guarigione arriveranno dal mistico Grigori Efimovici Rasputin, un personaggio controverso che si dice abbia avuto un ruolo minore ma significativo nel crollo della dinastia dei Romanov. Loro, e in particolare la zarina, credevano che Alexei potesse essere guarito con l’aiuto delle preghiere di Rasputin.

Alexandra Feodorovna ha persino considerato che Dio parlava attraverso Rasputin. La distanza non sembrava essere un ostacolo al potere delle cosiddette preghiere del monaco pazzo. Si parla di un episodio in cui la malattia di Zarevich si manifestò violentemente mentre si trovava a Pietrogrado, e Rasputin in Siberia riuscì ad alleviare le sue sofferenze.

 

Vezi această postare pe Instagram

 

O postare distribuită de Alix (@alexandra.of.russia)

Rasputin era molto vicino alla famiglia imperiale, lo chiamavano persino “nostro amico”. Lui supera presto la soglia di un guaritore e diventa il consigliere della zarina Alexandra Feodorovna. In assenza dello zar, che è andato sul fronte, Rasputin ha interferito nella vita politica e ha influenzato le decisioni del paese. I due erano diventati dei veri capri espiatori per tutte le disgrazie accadute in Russia. Questa vicinanza divenne la fonte di voci secondo cui la zarina aveva una relazione con il mistico russo. Il pettegolezzo è diventato un argomento di discussione sui giornali dell’epoca ed è discusso anche nell’era contemporanea.

Rasputin è considerato pericoloso per l’impero e la nobiltà decide che è ora di eliminarlo. Ci sono molte leggende che circondano la morte del mistico russo. Una vita segnata dal mistero e dalle polemiche non poteva che finire così.

A dicembre 1916 fu avvelenato con cianuro, fucilato, picchiato e gettato nelle acque della Neva.

 

 

Prima Guerra Mondiale

Il contesto dell’innesco della conflagrazione vede Nicola II di fronte a una difficile decisione per quanto riguarda il percorso da seguire. Non voleva abbandonare i suoi alleati serbi all’Austria-Ungheria, né provocare un grande conflitto.

Il 31 luglio 1914, Nicolae fu costretto a prendere la decisione di ordinare una mobilitazione generale.Dopo una serie di sconfitte la Russia non era preparata per questa Guerra. Sebbene gli mancasse un’adeguata formazione militare, Nicola II considerò suo dovere guidare l’esercito russo come comandante supremo dopo che suo zio, il Granduca Nicola, fu rilasciato dall’incarico nel settembre 1925. Pertanto, i suoi doveri in patria spettarono alla zarina, in quale la gente non aveva tanta fiducia, date le sue origini tedesche e la strana vicinanza a Rasputin.

Rivoluzione e abdicazione

Lasciamo la nostra successione a nostro fratello, il Granduca Mikhail Alexandrovich, e gli diamo la nostra benedizione sul trono.

Tre secoli di storia dei Romanov si concludono quando Nicola II è costretto ad abdicare, dopo la “Rivoluzione del febbraio”, per conto suo e del suo figlio, in favore al fratello che rifiuterà il trono. Questi fatti sono causati dall’incapacità di mantenere i successi militari del giugno 1916 e dal peggioramento delle condizioni di vita fuori dal fronte.

Esecuzione della famiglia Romanov

Nella notte tra il 16 e il 17 luglio, lo zar, la zarina, i 5 bambini e coloro che li accompagnavano in cattività nella “Casa per scopi speciali” – Casa Ipatiev, furono fucilati, pugnalati con baionette e uccisi con colpi per ordine diretto di Lenin. Nel 2011, Vladimir Solovich è giunto alla conclusione che non c’erano prove scritte di questi ordini di Lenin, ma ha difeso l’esecuzione.

A mezzanotte del 17 luglio 1918, il dottor Eugene Botkin, medico della famiglia imperiale, fu ordinato di svegliare i membri della famiglia con il pretesto di trasferirsi dalla casa di Ipatiev. Sono stati portati in una stanza nel seminterrato della casa, dove è stato detto loro che avrebbero dovuto aspettare l’arrivo del camion che li avrebbe trasportati nella nuova casa. Dopo alcuni istanti, fu introdotto un plotone di esecuzione e il comandante Yurovsky lesse ad alta voce l’ordine del Comitato Esecutivo:

Nikolai Alexandrovich, dato che i tuoi parenti stanno continuando i loro attacchi contro la Russia sovietica, il Comitato Esecutivo degli Urali ha deciso di esecutarti.

Un immenso stato di confusione pervade tutta la famiglia, così il comandante ripete l’ordine. Una guardia ricorda che la zarina e la granduchessa Olga hanno cercato di farsi il segno della croce, ma non ci sono riuscite. In Nicola II, tutti i soldati presenti hanno sparato, Pyotr Ermakov ha sparato Alexandra nella testa, poi Maria nella coscia, a seguito di una serie di sparatorie caotiche.

Alexei è il primo dei bambini ad essere ucciso, colpito alla testa. Tutti i bambini della famiglia avevano gioielli cuciti alla loro biancheria, essendo sempre pronti a infilare i gioielli di famiglia nel caso dovessero essere trasportati, quindi ucciderli era difficile per il plotone di esecuzione. Tatiana, Anastasia e Maria furono le ultime a morire, poiché avevano più di 1,3 kg di diamanti cuciti nei loro vestiti. Anche Olga viene colpita nella testa. Tatiana muore per un proiettile nella nuca.

Tutto questo è durato 20 minuti. Per assicurarsi che l’esecuzione fosse completata, Ermakov ha pugnalato i corpi ancora una volta con una baionetta. Il comandante esige che tutti gli oggetti rinvenuti sulla famiglia imperiale gli vengano consegnati e ne cura personalmente la sepoltura, al fine di impedire il furto dei beni.

Il 19 luglio avviene la nazionalizzazione dei beni confiscati alla famiglia imperiale. Allo stesso tempo, il Consiglio dei commissari del popolo è annunciato dell’esecuzione dello zar.

I resti della famiglia furono scoperti solo nel 1991, ma mancavano quelli di Alexei e Anastasia, ritrovati solo nel 2007. I resti ritrovati sono sepolti con lode nella Cappella “Santa Caterina” della Cattedrale di San Pietro e Paolo a San Pietroburgo nel luglio 1991.

Il 15 agosto 2000 segna la data della canonizzazione della famiglia Romanov per pazienza e umiltà. Finisce così un destino sotto il segno della sventura. Il primo leader eletto direttamente in Russia, Boris Eltsin, vede l’uccisione dei Romanov come la cosa più vergognosa della storia russa.

Gli ultimi zar – Netflix

Se l’articolo ha suscitato il vostro interesse e volete saperne di più sullo zar Nicola II, la Russia in pieno cambiamento, o volete che tutto ciò che leggete prenda forma, potete dare un’occhiata su Netflix. I momenti più importanti della vita dei Romanov possono essere visti nel docudrama Gli ultimi zar. La serie in 6 parti presenta sia la ricostruzione di momenti chiave che l’intervento degli storici sull’estinzione di una dinastia e la presa del potere da parte dei bolscevichi.

Se sei appassionato di storia universale ti invitiamo a leggere anche l’articolo 485 anni dalla morte di Anna Bolena

 

Fonti:

 520 total views,  1 views today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *