Edmondo De Amicis: 113 anni dalla morte del pedagogo e scrittore italiano

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Edmondo De Amicis
Cattura di schermo youtube, video Edmondo de Amicis, canal Poveşti din biblioteca şcolii

Il 21 ottobre 1846 è nato Edmondo De Amicis, uno scrittore e pedagogo famoso per le sue opere a carattere pedagogico. Oggi ricordiamo quest’importante personalità dotata di grande bontà e predicatore della fratellanza, caratteristiche che lo hanno descritto per tutta la vita.

Scopriamo insieme la storia di Edmondo De Amicis

Prima di diventare scrittore e poeta, De Amicis ha condotto gli studi presso l’Accademia Militare di Modena ed ha ottenuto il titolo di ufficiale. Partecipò anche alla Terza guerra d’indipendenza. Grazie a quest’esperienza prese più tardi la decisione di abbandonare la vita da militare.

Le prime opere

A Firenze pubblica i suoi primi scritti nei quali raccontava le esperienze vissute durante la guerra; subito dopo, nel 1868, pubblicò La vita militare che apparse nelle riviste: Ministero della difesa e L’Italia militare. Solo 2 anni più tardi, nel 1870, divenne editore della  rivista La Nazione di Roma, oggi intitolata La Nazione. Oltre alle numerose opere che descrivono i suoi viaggi per il mondo, Ricordi da Londra, Spagna, Olanda, Il Marocco e Costantinopoli, si è dedicato anche ai libri per bambini.

Le sue opere hanno avuto un successo così grande che nel 2005 è stato ristampato Costantinopoli con la prefazione di Umberto Eco. Quest’opera fu considerata da molti un capolavoro che descriveva la città durante il 19esimo secolo.  Il libro più famoso di Edmondo De Amicis scritto per bambini è Cuore, pubblicato nel 1886 dalla casa editrice Emilio Treves. Questo libro rappresenta il culmine della sua carriera perché fu rieditato più di 40 volte in pochi mesi e fu tradotto in più di 25 lingue. 

 

Cuore ha un grande successo anche al giorno d’oggi, anche se i cattolici incolparono Edmondo De Amicis per l’assenza di contenuti religiosi. In quel periodo dovevano essere rispettate delle norme da parte degli scrittori, mentre lui ebbe il coraggio di scrivere un libro dedicato esclusivamente ai bambini. 

Altre opere degne di essere ricordate oggi, 21 ottobre, sono: Il romanzo d’un maestro, 1890; Fra scuola e casa, 1892; La maestrina degli operai, 1895; La carrozza di tutti, 1899; 

Puoi scoprire qui anche la storia di Italo Calvino.

Fonti:

 260 total views,  1 views today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *