La principessa Diana, la donna più fotografata del XX secolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
principessa Diana, diana spencer
video „Princess Diana's Brother Posted A Photo That Will Make You Cry” - YouTube,

Traduzione: Beatrice Radulescu

La principessa Diana è stata una delle personalità femminili più influenti della fine del ventesimo secolo e l’apparizione della 4 stagione della serie The Crown ha reso nota la storia a una nuova generazione, immortalando la prima moglie dell’erede al trono del Regno Unito.

Diana Spencer, ex principessa del Galles, rimane una delle figure pubbliche più amate della nostra epoca, un simbolo globale di grazia e altruismo, anche se il suo sorriso nascondeva una feroce lotta a livello personale e familiare

Con piccoli passi verso grandi cose…

L’opinione pubblica era che la principessa Diana provenisse da una famiglia normale, ma Diana aveva origini nobili e godeva di tutte le stravaganze della vita aristocratica. Da bambina, i suoi compagni di gioco non erano altri che i figli della regina Elisabetta I, i principi Edward e Andrew, ed è sempre stata vicino alla famiglia reale.

I suoi genitori divorziarono e la custodia dei quattro figli tornò a suo padre, che ottenne il titolo di Conte Spencer nel 1975. Diana divenne nota come Lady Diana Spencer, ma dopo la laurea condusse una vita modesta come educatrice part-time in un sobborgo di Londra

La famiglia reale fece pressioni sul principe Carlo perché si sposasse, poiché aveva più di 30 anni, ma scegliere una principessa del Galles era un compito importante e selettivo: provenire da un ambiente reale o aristocratico, essere vergine ed essere protestante.

Cosa si voleva da una principessa: origine dall’ambiente aristocratico, verginità e protestantesimo

Il principe Carlo ha avuto diverse relazioni nel suo tentativo di trovare una donna che si adattasse al profilo richiesto, inclusa una relazione con la sorella maggiore di Diana, Lady Sarah Spencer. Il cuore di Charles apparteneva già alla sua ex fidanzata, Camilla Shand, ma poiché non era all’altezza delle aspettative della famiglia reale, il titolo di principessa del Galles doveva essere detenuto da un’altra pretendente.


Il principe Carlo conosceva Diana da diversi anni, ma si interessò seriamente a lei come possibile sposa nell’estate del 1980, quando furono entrambi invitati a un fine settimana in campagna, dove lei lo guardava giocare a polo. Il successo che Diana ebbe nella residenza scozzese della famiglia Windsor accelerò le cose tra i due giovani, tanto che Carlo fu costretto a chiedere la mano di Diana dopo solo pochi incontri.

Il principe le fece la proposta il 6 febbraio 1981 e Diana accettò, ma il loro fidanzamento fu tenuto segreto per diverse settimane. L’annuncio pubblico del fidanzamento nel 1981 è stato il primo indizio che la favola tra i due giovani carismatici di nobili origini non si sarebbe conclusa con il classico “e vissero felici e contenti”.

L’annuncio pubblico del fidanzamento ha mostrato che la fiaba non sarebbe finita con il “vissero felici e contenti”….

A un commento di un giornalista che si è complimentato con i giovani per l’amore sui loro volti, Carlo ha risposto: “Qualunque cosa significhi innamorato“, una risposta che ha ferito profondamente la Principessa del Galles e che ha confermato che non sarebbe stato in grado di amare un’altra donna tranne la sua amante, Camilla.

Il “matrimonio da favola” tra la 20enne e il 32enne principe è stato visto in televisione da 750 milioni di persone. La principessa Diana ha scioccato tutti quando ha detto che non si sarebbe “sottomessa”, il che era insolito per l’epoca, soprattutto per l’istituzione tradizionalista che rappresentava.


Originariamente chiamata “Shy Di“, la principessa Diana divenne presto popolare per la stampa, creando un nuovo tipo di celebrità. Ad ogni visita ufficiale della coppia reale, i riflettori si spostano dal Principe di Galles a Diana, che è stata una boccata d’aria fresca in un’istituzione di persone rigide e formali. Ha affermato con le sue stesse parole che non si considerava un membro della famiglia reale e che i suoi doveri principali erano di moglie e madre.

Sebbene fosse una persona calda e gentile che illuminava ogni stanza in cui entrava, calato il sipario, tutto l’affetto e la considerazione che riceveva dalla gente del Commonwealth erano sostituiti da indifferenza, irriverenza e disprezzo

 

Vezi această postare pe Instagram

 

O postare distribuită de Royal Watcher (@loveprincessdiana)

I problemi coniugali della principessa Diana

Carlo tradì pubblicamente la moglie, trovando sempre occasioni per passare più tempo possibile con Camilla e il meno possibile con Diana, di cui criticava sempre i gesti e li considerava irrispettosi. Nessun membro della famiglia reale era disposto a trascorrere del tempo di qualità con lei, e l’immensa pressione e le continue critiche che riceveva da un uomo che non la apprezzava non la aiutavano affatto. Le prove della vita l’hanno spinta nella lotta contro i disturbi alimentari, di cui ha parlato nella sua intervista del 1995 con Martin Bashir della BBC.

 Dice a tutti che sono pazza, mi tratta come se fossi pazza, comincio a sentirmi pazza.

The Crown, (2016 – )

L’essenza della vitalità di Diana erano i suoi figli, William e Harry, con i quali era sempre affettuosa, comprensiva, calorosa ed energica. Erano i primi nella sua vita. La principessa Diana organizzava i suoi doveri pubblici secondo il loro programma e non perdeva occasione di passare del tempo con loro, per regalare loro un’infanzia normale. Diana è stata molto coinvolta nelle loro vite, scegliendo la loro scuola, i vestiti e pianificando i loro viaggi:

Vivo per i miei figli. Sarei persa senza di loro.

Dopo la nascita di Harry, le differenze tra Charles e Diana sono diventate inconciliabili, un’esperienza tanto più dolorosa quanto accaduta sotto gli occhi onnipresenti dei tabloid.

Madre e principessa a tempo pieno

Sebbene la tradizione fosse che i principi della famiglia reale venissero educati in casa da una governante, la principessa Diana iscrisse i suoi figli alle scuole pubbliche per assicurarsi che vivessero con i piedi per terra e che potessero vedere le difficoltà affrontate dai meno fortunati della loro età. “Il principe William è diventato il primo futuro re ad essere pienamente istruito nel sistema scolastico pubblico e la principessa Diana continuerà a sostenere l’istruzione del principe William e del principe Harry per tutta la vita”. (Insider)

Ecologista, filantropa, umanitaria, Diana ha usato il suo status di celebrità e principessa per attirare l’attenzione su alcune delle cause più importanti.Dalla metà e fino alla fine degli anni ’80, i suoi doveri di principessa sono stati ovviamente di visitare gli ospedali, alleviare le sofferenze dei malati e patrocinare diversi enti di beneficenza.

Ma la principessa Diana ha fatto molto di più che associare il suo nome a varie organizzazioni non profit. Il suo interesse non era far crescere i membri della famiglia reale agli occhi del pubblico, ma era interessata ad alcune malattie e problemi di salute. “Diana era una sostenitrice della campagna internazionale per vietare le mine antiuomo, una campagna che ha vinto il premio Nobel per la pace nel 1997″. (Wikipedia)

 

 

I membri della famiglia reale sono stati sempre visti indossare guanti per proteggersi da qualsiasi contatto pericoloso con virus e batteri negli ospedali che hanno visitato, ma Diana ha cercato di porre fine allo stigma dietro alcune malattie che impedivano l’adozione di bambini svantaggiati. Nell’aprile del 1987, la Principessa del Galles abbracciò un bambino sieropositivo presso la sede della Catena della Speranza, una delle prime celebrità fotografate mentre toccava una persona infetta.

Contribuì al cambiamento dell’opinione pubblica sui malati di AIDS, non esattamente apprezzata dalla famiglia reale, che sembrava, al confronto, superficiale, timorosa e ignorante. Il suo contributo è stato riconosciuto nel dicembre del 2001 da Bill Clinton alla Conferenza sull’AIDS in memoria di Diana, Principessa del Galles.

“Nel 1987, quando così tanti credevano ancora che l’AIDS potesse essere trasmesso dal tatto, la principessa Diana si sedette sul letto di un malato di AIDS e gli tenne la mano. Ha mostrato al mondo intero che i malati di AIDS non meritano isolamento, ma compassione e gentilezza. Questo ha aiutato a cambiare le menti di tutto il mondo e ha dato speranza ai malati di AIDS”. (Europafm.ro)

Se ti piace questo articolo su Diana Frances Spencer, ti invitiamo a scoprire l’interessante storia della vita di suo suocero, il principe Filippo, che lei chiamava “Carissimo papà”.

Molte volte, la principessa Diana ha portato i suoi figli in visita ad ospedali e rifugi per mostrare loro il loro privilegio e per esortarli a diventare futuri cittadini altruisti e con un senso di responsabilità..

Voglio che i miei figli capiscano i sentimenti delle persone, le loro insicurezze, le loro sofferenze, le loro speranze ed i loro sogni.

Una serie di sfortunati eventi

Dopo molti tentativi di salvare l’immagine della monarchia, la regina ha finalmente accettato di lasciare che i due partner ponessero fine ufficialmente alla relazione, poiché era diventata una fonte di pettegolezzi sui tabloid, entrambi i membri della coppia reale venivano fotografati con altre persone in relazioni extraconiugali. Dopo anni di incomprensioni, Diana e Charles riescono a divorziare nel 1992.

Ma nessun membro della famiglia reale ha potuto tirare un sospiro di sollievo dopo la separazione, anche se il titolo di Principessa del Galles di Diana è stato revocato. La fama di Diana ha superato quella di Carlo e persino della regina, essendo la persona più fotografata del ventesimo secolo.


Diana ha continuato a godere dell’apprezzamento dei media, di amicizie di alto profilo e ha trovato la forza interiore per esporre le difficoltà che ha dovuto sopportare a Buckingham Palace in nome dell’amore e del dovere. Ha confermato le voci sul triangolo amoroso che esisteva nel suo matrimonio: Charles-Diana-Camilla.

Beh, c’erano tre persone in questo matrimonio, quindi era un po’ affollato.

Man mano che la popolarità dell’ex principessa Diana cresceva, l’ammirazione per Carlo e la monarchia diminuiva. La morte di Diana in un incidente d’auto il 31 agosto 1997, ha scatenato polemiche e cospirazioni 24 anni dopo, ma una cosa è certa: Diana era e sarà sempre “La regina dei cuori “).

 

 

“In risposta alla notizia della morte della principessa, le persone hanno presentato doni pubblici di fiori, candele, cartoline e messaggi personali. Entro il 10 settembre, il mazzo di fiori vicino a Kensington Garden era alto 1,52 metri in alcuni punti e lo strato di base aveva iniziato a decadere. ” (http://princessdianasite.weebly.com/death.html)

Faccio le cose in modo diverso, non seguo una guida. Guido con il cuore.

La sua morte ha rappresentato un pericolo per la monarchia per diversi giorni, poiché la folla era indignata per il fatto che la bandiera non fosse stata issata a Buckingham Palace, come tradizione richiedeva quando un membro della famiglia reale moriva. La sua influenza era così forte che la regina fu costretta ad alzare la bandiera e ad avere un aspetto pubblico autentico ed emotivo, che non era caratteristico di lei.

L’eredità di Diana 

La principessa Diana è un fenomeno internazionale, rimasto nella storia per la gentilezza e la sincerità con cui ha compiuto qualsiasi azione, ma anche per il contributo positivo che ha dato al mondo intero. La sua presenza ha rivoluzionato e modernizzato le strutture dell’istituzione reale e l’educazione data ai suoi figli è l’esempio perfetto che la monarchia inglese sarà in mani dignitose e capaci.

Fonti:

 610 total views,  2 views today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *